Azione Famiglie Nuove
Emergenza Ucraina, supporto alle persone colpite dal crollo della diga di Nova Kakhovka

Emergenza Ucraina, supporto alle persone colpite dal crollo della diga di Nova Kakhovka

Nella regione di Odessa è iniziata a partire da giugno una nuova fase di intervento nell’ambito dell’emergenza Ucraina per offrire supporto alle famiglie sfollate, a cominciare da quelle colpite dal crollo della diga di Nova Kakhovka.

La diga che è stata fatta saltare in aria la notte del 6 giugno, ha riversato tonnellate di acqua nella valle: un bacino idrico che conteneva  circa 18 milioni di metri cubi d’acqua e che ha inondato un’area con  32 insediamenti nella regione di Kherson, dove vivono più di 42.000 persone. La situazione è resa particolarmente difficile a causa dei continui bombardamenti che complicano notevolmente gli sforzi di salvataggio.

Secondo varie stime, 16.000 persone a rischio hanno bisogno di assistenza per l’evacuazione o di supporto sul posto.

Caritas-Spes, con cui collaboriamo come Coordinamento Emergenze del Movimento dei Focolari, AMU, AFN,  è impegnata nel soccorrere le persone colpite dal crollo della diga, e ha lanciato un appello in giugno cui anche noi abbiamo aderito orientando proprio a loro una parte dell’azione di risposta all’emergenza ucraina.

Finora 150 famiglie (309 persone) hanno potuto ricevere assistenza. Sono persone che che si trovano in una situazione finanziaria molto difficile, che hanno perso fonti di reddito. Tra i beneficiari: 52 famiglie hanno al loro interno anziani; 22 persone sono disabili; 12 persone sono donne incinte o che allattano con bambini fino a 2 anni; 11 persone sono persone affette da malattie gravi e 7 famiglie sono composte da genitori single.

L’assistenza che sarà loro offerta consentirà di soddisfare le esigenze più urgenti.

Sostieni la popolazione colpita. Contribuisci alla raccolta fondi del Coordinamento Emergenze del Movimento dei Focolari – AMU – AFN