Azione Famiglie Nuove
Aggiornamenti sul Progetto EHIS ad Aleppo, Siria

Aggiornamenti sul Progetto EHIS ad Aleppo, Siria

Il progetto EHIS, portato avanti da AMU e Azione Famiglie Nuove, insieme a partner locali nell’ambito del programma “Semi di Speranza”, si rivolge ai bambini con disabilità uditive in età prescolare. Questi bambini rappresentano un gruppo marginale poiché ad Aleppo non esiste alcuna struttura o associazione che si occupi di loro in termini educativi o di formazione professionale e tecnica uditiva.

Il progetto include l’insegnamento del programma ufficiale del Ministero dell’Istruzione Siriano, adattato con il supporto di un insegnante assistente in determinati momenti della giornata. Ogni lezione è condotta in due lingue: la prima orale (arabo/inglese) e la seconda in lingua dei segni.

Oltre all’attività di insegnamento generale, vengono offerte lezioni speciali di alfabetizzazione e servizi di valutazione uditiva e fonetica, basati sulla diagnosi e sui bisogni individuali di ciascuno studente. Queste lezioni individuali, seguite anche dai genitori tramite cuffie in una stanza separata, permettono loro di continuare il lavoro a casa. Il centro segue anche ragazzi più grandi.

Il centro offre inoltre la possibilità di effettuare test di screening uditivo precoce, sin dai primi mesi di vita, per identificare e selezionare gli ausili acustici più adatti a ciascun caso. I bambini beneficiano anche di supporto psicologico per affrontare e superare i traumi legati agli anni di guerra e per accettare la loro disabilità a livello psicologico, superandola.

Dall’età prescolare (3 anni) fino ai 6 anni, un totale di 72 bambini vengono istruiti su come impugnare la penna, riconoscere le lettere dell’alfabeto, scrivere e leggere parole, imparare i numeri e imparare lettere e numeri in lingua inglese.

Durante questo ultimo trimestre, abbiamo accolto due nuovi bambini nel settore della prima infanzia, portando il totale dei nostri bambini a 24 nella sezione della prima infanzia (prima e terza infanzia).

Si lavora con i bambini che necessitano di supporto individuale, seguiti dagli operatori del settore della prima infanzia tramite sessioni esterne di supporto, utilizzando materiali e fogli di lavoro aggiuntivi. Uno di loro è ora in grado di partecipare pienamente alle lezioni e alle attività scolastiche.

Ecco alcuni aggiornamenti sulle attività svolte:

Prima Infanzia

Utilizzo di giochi di supporto per le lezioni di matematica per collegare quantità e numeri attraverso giochi con palline e cerchi. Giochi logici che variano i colori delle forme geometriche, permettendo a ciascun bambino di scegliere e nominare la forma e il colore desiderati, supportando la memoria visiva. Schede di lavoro sugli opposti (sopra-sotto, lungo-corto…). Sessioni tematiche su argomenti come famiglia, abbigliamento invernale, parti del corpo umano, strumenti scolastici con nuove parole ogni giorno. Insegnamento delle lettere e il loro corretto modo di pronuncia, segno e scrittura.

Supporto Educativo per la Prima Fase

Il nostro programma di supporto educativo si rivolge a 108 bambini dalla prima alla sesta elementare, con età compresa tra i 7 e i 12 anni, suddivisi in 6 classi. Le materie vengono insegnate seguendo il curriculum scolastico ufficiale, utilizzando metodologie specifiche per i bambini con problemi uditivi. Il curriculum, conforme alle linee guida del Ministero dell’Istruzione siriano, è stato adattato e tradotto in lingua dei segni da un gruppo di educatori e assistenti esperti.

Ogni insegnante prepara individualmente i piani di lezione, utilizzando diverse metodologie e strumenti per ogni materia. Durante questo trimestre, abbiamo adottato varie metodologie, tra cui:

  • Esperimenti chimici per illustrare la lezione sui mezzi trasparenti nella materia di scienze per la quinta elementare.
  • Video dettagliati che spiegano i sensi, le loro proprietà e il loro funzionamento nella materia di scienze.
  • Gare di matematica per le classi quarta, quinta e sesta, dove ogni studente estraeva un foglio con una domanda e risolveva l’esercizio sulla lavagna.
  • Utilizzo di pasta e cubetti per rappresentare la lezione di matematica sui componenti dei numeri e sull’addizione nella prima elementare, permettendo ai bambini di eseguire le operazioni richieste.
  • Gioco di legno per spiegare la lezione di scienze sul corpo umano nella prima elementare, dove ogni bambino montava le parti del corpo.
  • Verdure come supporto didattico per spiegare la lezione sulle foglie e le radici nella materia di scienze per la seconda classe.
  • Utilizzo di immagini e parole sulle lavagne per facilitare la comprensione delle lezioni e supportare la memoria visiva.

Supporto Educativo per la Fase Intermedia

Per i ragazzi tra i 13 e i 16 anni, suddivisi in 3 classi per un totale di 60 studenti, abbiamo continuato a seguire i piani di lezione preparati individualmente da ciascun insegnante. Durante questo trimestre, abbiamo adottato diverse metodologie, tra cui:

  • Gare di Educazione Civica nella classe della seconda media, dove ogni studente estraeva una carta da una scatola di domande e spiegava la definizione sulla lavagna.
  • Esercizi sportivi per comprendere il funzionamento dei muscoli nella classe della seconda media.
  • Visione di un video dettagliato sul sistema nervoso centrale umano.
  • Utilizzo continuo del linguaggio dei segni a tutti i livelli e nelle lezioni.
  • Utilizzo di immagini e parole sulle lavagne per supportare la memoria visiva.

Abbiamo continuato a monitorare 10 dei nostri studenti integrati nella comunità nelle classi decima e undicesima presso la Scuola d’Arte Femminile, seguiti dal personale specializzato. Altri studenti proseguono i loro studi in preparazione dell’esame di maturità.

Corsi Speciali per l’Alfabetizzazione

Accogliamo ragazzi tra i 12 e i 18 anni, per un totale di 10 (fuori dal numero totale dei partecipanti al centro), provenienti da situazioni svantaggiate e senza opportunità di istruzione precedente a causa di problemi uditivi. Il servizio coinvolge 250 partecipanti interni al centro e altri bambini provenienti dall’esterno. Ogni bambino/adolescente riceve sessioni individuali di logopedia, progressivamente avanzando dalla pronuncia delle lettere alla costruzione di parole e frasi semplici, fino alla narrazione di brevi storie in linguaggio parlato.

Le sessioni individuali coinvolgono un accompagnatore familiare che, attraverso uno schermo, osserva gli esercizi di pronuncia svolti dal bambino con l’insegnante. Questo metodo permette agli accompagnatori di apprendere come ripetere e consolidare gli esercizi a casa, accelerando l’apprendimento. I bambini con grave sordità praticano anche la lettura del labiale, oltre ad essere seguiti tramite il linguaggio dei segni per migliorare la loro capacità di esprimersi, apprendere e comunicare.

Sostieni il progetto clicca qui