Azione Famiglie Nuove

STORIE DI AUTODETERMINAZIONE

Musica è…

da | Apr 16, 2024

Povertà e deprivazioni spesso non consentono a molti bambini di sognare, troppo occupati a dover cercare di soddisfare i propri bisogni di base per sopravvivere. Quando non hai da mangiare o non hai modo di crescere in un ambiente sicuro, non ti viene neanche in mente cosa vorresti fare da grande.

Steffany Isabel Asturias ha 19 anni. Grazie al Centro Educativo Fiore e al progetto di sostegno a distanza, ha trovato da piccola quello spazio positivo dove scoprire il proprio talento e nella gioia della possibilità di realizzare una grande passione, la sua vita è cambiata.

Sono nata a Città del Guatemala nel 2005, – racconta – dove vivevo con mia madre e mia nonna; e dopo con il mio patrigno. Quando avevo 3 anni sono entrata a far parte del progetto ed è cominciata per me una fase nuova di grande apprendimento che mi è servito tutta la vita.

La scuola Fiore che Steffany inizia a frequentare aveva aperto da poco a Mixco, cittadina a nord ovest della Capitale, per rispondere a tante problematiche sociali, povertà delle famiglie, violenza, analfabetismo. Il ciclo di istruzione comprende scuola materna, primaria e secondaria, offrendo ai bambini la possibilità di studiare ed emanciparsi. Le attività sportive, creative, di formazione alla cittadinanza attiva caratterizzano il percorso educativo arricchito di quei valori che aiutano ad affrontare la vita con resilienza e impegno, in una società difficile e piena di sfide. C’è chi consegue il diploma in Informatica o Ragioneria, chi continua gli studi universitari e chi si apre ad un percorso artistico.

Saper suonare uno strumento musicale era uno dei miei più grandi desideri. – Ricorda Steffany. –  La passione per la musica è emersa quando ero in prima media e sono entrata a far parte della banda della scuola, suonando la grancassa. Sono stata molto felice di poter accedere alla Scuola Municipale di Musica (EMM): li è iniziata la mia carriera professionale. Per me la musica è un modo privilegiato di comunicare con le persone e regalare emozioni profonde”.

Nel tempo Steffany impara a suonare la tromba, il pianoforte, la chitarra, il flauto dolce e la marimba, uno strumento a percussione molto diffuso in America Centrale, mentre continua a studiare per poter insegnare Educazione musicale e restituire alla comunità di Sumpango, Sacatepéquez, dove vive (a 40 km dalla Capitale), ciò che ha imparato e che la musica le ha permesso di sviluppare.

“Uno dei miei sogni è viaggiare con la mia band – confida – e portare gioia al pubblico con la musica. Mi piacerebbe tantissimo riuscire a fondare una mia Accademia musicale!”. Nel cuore insieme all’amore per la musica, resta impresso quanto vissuto e appreso al Centro Educativo Fiore, l’importanza di essere generosi e lo spirito dell’amicizia autentica.

Sostieni il progetto CLICCA QUI

ALTRE STORIE DI AUTODETERMINAZIONE

Siria, le parole del piccolo Zaid

Siria, le parole del piccolo Zaid

“Posso anche non parlare bene, ma perché tu sei con me, mamma, io sono molto intelligente, i miei amici mi vogliono bene e mi dicono che il mio sorriso è bello”. Questo è quello che Zaid ha detto alla sua mamma per ringraziarla della sua presenza. Il bambino, dieci anni, con problemi di udito, da quando frequenta il centro EHIS di Aleppo ha notevolmente migliorato la sua capacità di comunicare.

Il sogno di Magda

Il sogno di Magda

Magda vive in Guatemala in un villaggio povero nel cuore dell’antica civiltà maya. Attraverso il sostegno a distanza si laurea in pedagogia e diritti umani

Nonostante il lockdown

Nonostante il lockdown

La storia di due genitori adottivi che hanno vissuto la loro quarantena in Colombia, in attesa del loro bambino. «Abbiamo avuto la possibilità di tornare a casa quando si iniziavano a prospettare le chiusure per la pandemia, ma avremmo dovuto farlo senza nostro figlio».