Azione Famiglie Nuove
Stolen Childhood Ucraina: un progetto per non dimenticare le bambine e i bambini dell’Ucraina

Stolen Childhood Ucraina: un progetto per non dimenticare le bambine e i bambini dell’Ucraina

Mercoledì 21 febbraio 2024 alle 18.00 presso Santa Maria del Carmine a Roma
l’evento artistico-musicale con la giovane cantante ucraina
Valeryvog (Valeria Kikhtenko) e testimonianze di impegno in favore dell’Ucraina

COMUNICATO STAMPA

Mercoledì 21 febbraio 2024 alle 18.00 presso il Focolare Point di S. Maria del Carmine a Roma, Via del Carmine 3, si terrà l’evento organizzato da Observa Science in Society per lanciare Stolen Childood Ucraina di Valeryvog (Valeria Kikhtenko) ideatrice e autrice del progetto.
Durante l’evento sarà proiettato un video sociale per far conoscere la situazione dei minori in Ucraina, con l’interpretazione della cantante Valeryvog (Valeria Kikhtenko) di una celebre ninna nanna popolare ucraina. “Infanzia rubata” rappresenta 2 anni di guerra attraverso gli occhi dei bambini ucraini.

 Tutti i dati riguardanti i bambini sono ufficiali e forniti dalla piattaforma “Children of War” (aggiornata al momento dell’editing  video – metà gennaio).  È impossibile stabilire il numero esatto delle vittime non può essere stabilito a causa della ostilità attive e  dell’occupazione temporanea delle parti del territorio Ucraino.

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha causato la morte di più di 10.000 civili e decine di migliaia di feriti dal febbraio 2022 e una vera e propria catastrofe umanitaria che ha coinvolto tutta la popolazione[1]. Più di 8 milioni di persone si trovano sfollate in Europa. Molte famiglie e con loro i minori sono comunque rimaste in Ucraina con gravi problemi di alloggio e con difficili condizioni di vita. In molte zone del paese i minori non hanno da mangiare, non hanno da dormire, non hanno l’acqua.

La condizione dei minori, dunque, è molto critica e nonostante la gravità di questa condizione, i mezzi di informazione e le istituzioni hanno dato poco spazio a queste problematiche. Recentemente, con lo scoppio della guerra in Israele, la visibilità della situazione ucraina è diminuita e ancor più l’attenzione nei confronti dei bambini e delle bambine.

PROGRAMMA

Modera: Giuseppe Pellegrini, Observa

Interventi

Paola Iacovone, la Progettualità in favore dei profughi ucraini

Giornalista di Città Nuova

Yaroslav Melnyk Ambasciatore d’Ucraina, Rappresentante dell’Ambasciata Ucraina di Roma (da confermare) 

Valeryvog (Valeria Kikhtenko) presenta il progetto Stolen Childood

Giuseppe Pellegrini, presidente di Observa presenterà l’importanza del coinvolgimento delle associazioni italiane in favore dell’Ucraina e introdurrà le esperienze di associazioni che operano sul territorio italiano

Per partecipare all’evento si potrà accedere alla sala dell’Infopoint ad accesso libero fino a esaurimento posti.

—-

Valeryvog (Valeria Kikhtenko) è una giovane cantante ucraina che frequenta la Kyiv Municipal Academy of Variety and Circus Arts. Semifinalista dei Tavria Games in Ucraina. Ha partecipato a concorsi e assieme a musicisti italiani e ucraini con il gruppo нові очі (Nuovi occhi) ha organizzato concerti per mantenere viva l’attenzione sulla situazione ucraina. È presente anche sui social con il suo profilo Instagram ufficiale.

Giuseppe Pellegrini è un sociologo docente presso l’Università di Trento. Da anni è attivo nell’ambito di progetti sociali in collaborazione con enti pubblici e organizzazioni non profit. È stato membro del comitato scientifico sulla Peer education della Regione Veneto e responsabile di numerosi progetti internazionali finanziati dalla Commissione Europea. È autore di 70 pubblicazioni scientifiche.

Il Movimento dei Focolari ha la fisionomia di una grande e variegata famiglia, di un “nuovo popolo nato dal Vangelo”, come lo definì la fondatrice, Chiara Lubich, che lo fondò nel 1943 a Trento (Italia), durante la seconda guerra mondiale, come una corrente di rinnovamento spirituale e sociale. Approvato nel 1962 è diffuso in oltre 180 paesi con oltre 2 milioni di aderenti. E’ da sempre attivo sul fronte della solidarietà, il dialogo e l’accoglienza con progetti per famiglie e persone al fine di migliorare i diritti e le condizioni di vita per costruire un mondo più unito.


[1] UNHCR 2023, Report on the human rights situation in Ukraine, 1 February to 31 July 2023, https://www.statista.com/statistics/1293492/ukraine-war-casualties/

IL COMUNICATO STAMPA IN PDF