Azione Famiglie Nuove
Poesia e solidarietà

Poesia e solidarietà

L’esperienza di Raffaele per il sostegno a distanza raccontata alla Rassegna letteraria di Grottaferrata

“Carissimi cittadini,  ci permettiamo di entrare nelle vostre case per risvegliare sentimenti personali e per chiedervi qualcosa.  Con un piccolo gesto si può  ridare vita a chi non ha speranza. Ci sentiamo di proporlo perché siamo sicuri che quello che stiamo per chiedervi lo avete pensato moltissime volte ma per un motivo o per un altro non avete mai preso una decisione. Quante volte abbiamo pensato alla fraternità e alla solidarietà,  ma cosa abbiamo fatto di concreto? Quante volte mentre siamo a pranzo o a cena con le nostre famiglie ci trasmettono per televisione immagini di bambini abbandonati? Tutti i giorni nel mondo migliaia di bambini vengono sfruttati vengono uccisi, o muoiono per denutrizione. E pensare che con un piccolo gesto si può ridare vita a chi non ha speranza, vestire, dar da mangiare, istruire chi ha bisogno”. –

Inizia così la lettera che Raffaele Di Lorenzo, con l’Associazione Culturale Capannese, ha inviato ai suoi concittadini di Capanne, invitandoli ad aderire al progetto di sostegno a distanza Santa Terezinha di AFN a Recife. E continuava: Mettendoci insieme in tanti possiamo fare grandi cose”.

Ed infatti dal 2001 ad oggi l’iniziativa di solidarietà si è allargata ai comuni limitrofi, da Montopoli val d’Arno al comune gemellato di Torella dei Lombardi, in provincia di Avellino, dove i cittadini hanno risposto con generosità, tanto che i due centri vengono nominati “città della solidarietà”. Numerose persone, famiglie, scuole, ristoranti, esercizi commerciali e anche banche e ufficio postale, tutti sono coinvolti con sempre nuovo entusiasmo nelle svariate iniziative di solidarietà per il sostegno a distanza dei bambini della favela di Santa Terezinha. Feste patronali, cene e lotterie, e da ultimo un Premio letterario giunto alla XVIII edizione. Diversi sponsors contribuiscono alle spese di gestione, ai numerosi premi e alla pubblicazione di un’ Antologia che raccoglie i lavori più meritevoli e il cui acquisito contribuisce anch’essa alla raccolta fondi per il progetto. Il 4 marzo la presentazione dell’iniziativa e dell’Antologia arriva anche a Grottaferrata

L’evento è organizzato da AFN nell’ambito della Rassegna letteraria promossa dal  Comune di Grottaferrata e organizzata in collaborazione con la Consulta della Cultura.

Nell’aula consiliare del Comune e alla presenza dell’assessore alle politiche sociali M. Passini, si è svolta la presentazione del volume dal titolo “Un momento particolare” introdotta da Raffaele Di Lorenzo, presidente dell’associazione culturale Capannese e ideatore del concorso, che ha potuto raccontare tutta la sua esperienza. Con lui, la Prof.sa Monica Pellinacci, presidente della commissione esaminatrice del Premio. Saverio Chiti, collaboratore del Premio e scrittore. Una presenza speciale quella di Emerson Marinho Pinto, nato cresciuto in quella favelas di Santa Terezinha che ha raccontato la trasformazione di tutta la comunità e di come abbia potuto studiare e costruirsi un futuro grazie al progetto e ai generosi sostenitori.

Alla presentazione sono intervenute alcune scrittrici di Grottaferrata: Cinzia Gargiulo, Franca Canfora, Paola Casetti che hanno letto e commentato i loro componimenti pubblicati nell’antologia tra i primi classificati del Premio Letterario Capannese, ponendo il focus della riflessione sul tema “poesia e solidarietà”, sottolineando come un animo sensibile sia portato particolarmente all’empatia e a fare del bene.

Giovanna Pieroni

IL PREMIO LETTERARIO 2023

STORIA DI EMERSON

IL PROGETTO DI SOSTEGNO A DISTANZA SANTA TEREZINHA